-41%

Cinzia Piglione e Francesca Tasso (a cura di), Arti minori, Ed. Jaca Book, 2000

47,80 i.i.

Il volume concerne il tema complesso e articolato delle arti definite “minori”, come le lavorazioni dei tessili, del vetro, delle ceramiche, dei metalli, delle pietre… e dei libri miniati.

Descrizione

Edizione Jaca Book, Milano, 2000 Illustrazioni Fotografie e disegni in B/N e a colori
Collana Enciclopedia Tematica Aperta Prolusioni Liana Castelfranchi Vegas e Cinzia Piglione
N. Volumi 1 N. Pagine 407
Dimensioni 23,5 x 30,5 x 3,8 cm. Peso 1,87 kg.
Descrizione

I

l volume si propone come uno strumento aggiornato su un tema quanto mai complesso e articolato quale il campo delle arti convenzionalmente definite minori. Come orientamento per il lettore, il dizionario – suddiviso per voci che analizzano i materiali e le tecniche di produzione – è introdotto da due prolusioni. Quella di Liana Castelfranchi Vegas, Il ruolo delle arti minori nel Medioevo, dedica ampio spazio al dibattito teorico relativo alla terminologia e alla fortuna critica delle arti minori. Il campo d’indagine prescelto dall’autrice riguarda i capolavori assoluti prodotti dall’ officina medievale. La seconda prolusione di Cinzia Piglione, Centri di produzione in Italia tra Rinascimento e Manierismo, propone invece un diverso approccio al tema delle arti minori, avvalendosi in particolare degli studi confluiti nei cataloghi delle esposizioni di miniatura e oggetti d’arte degli ultimi decenni.

Il testo presenta infatti una modalità d’indagine volta a cogliere i fitti scambi che intercorrono tra le differenti tecniche artistiche scegliendo come osservatori privilegiati i più significativi centri di produzione del panorama italiano tra Quattro e Cinquecento. Le tecniche e i materiali analizzati nelle voci del dizionario sono frutto di una scelta che ha previsto la trattazione il più possibile esaustiva di un campione di arti minori, piuttosto che la definizione necessariamente sintetica di tutte le categorie di oggetti.

In particolare, grazie alla disponibilità di esperti qualificati, nel dizionario è stato dato ampio spazio ai tessili (arazzi, ricami, tessuti) che non potevano a tutt’ oggi contare su uno studio complessivo che tenesse conto sia del loro percorso storico dal medioevo all’età moderna, sia dell’analisi delle tecniche e del collezionismo. I restanti settori riguardano la miniatura (con particolare attenzione ai procedimenti esecutivi e alle tipologie librarie e decorative), la lavorazione dei metalli e delle pietre dure (oreficeria, smalto, incisione, sigillo, glittica e commesso), la lavorazione della ceramica (ceramica graffita, maiolica, porcellana e terraglia), la lavorazione del vetro (vetrata, vetri dorati e graffiti), l’avorio, il cuoio e la tarsia.

Come accennato, le voci del dizionario seguono il percorso compiuto dalle arti minori a partire dal medioevo, attraverso la fioritura rinascimentale, fino alla grande stagione sei e settecentesca. A seconda dei campi d’indagine affrontati e del radicale mutamento o abbandono dei procedimenti esecutivi, è stata una scelta significativa degli autori includere o omettere un paragrafo dedicato ai secoli XIX e XX.

Come ausilio alla comprensione della trasformazione dell oggetto d’arte in prodotto industriale il dizionario è preceduto da una scheda Arte e industria: la nascita del design di Anna Menichella. Per favorire un’agile consultazione del testo, alla fine del volume è stato aggiunto il Registro delle voci, comprensivo della suddivisione di ciascuna in paragrafi.

 

Indice:

  • Nota tecnica
  • PARTE PRIMA
    • PROLUSIONI
    • LIANA CASTELFRANCHI VEGAS, Il ruolo delle arti minori nel Medioevo
    • CINZIA PIGLIONE, Centri di produzione in Italia tra Rinascimento e Manierismo
    • ANNA MENICHELLA, Arte e industria: la nascita del design
  • PARTE SECONDA – DIZIONARIO
  • Registro delle voci e della materia trattata
Note bibliografiche

Pubblicazione del 2000 per la Collana Enciclopedia Tematica Aperta (E.T.A.), di grande formato, a copertina rigida in tela grigia titolata in grigio chiaro al piatto e al dorso; rilegata a filo; stampata su carta semi-lucida di buona qualità; dotata di sovracoperta protettiva illustrata; corredata da fotografie e disegni in B/N e a colori anche a tutta pagina.
Di difficile reperibilità.

Stato di conservazione

Più che Ottimo [il volume non mostra danni strutturali, strappi, segni, mancanze o usure gravi che vadano evidenziate; legatura compatta e resistente; copertine rigide quasi intatte; sovracoperta in ottimo stato, con minimi segni di vissuto ai bordi, lievi opacità da sfregamento ai piatti ed aree marginali di ingiallimento diffuso (trascurabili); coste poco impolverate].

Informazioni aggiuntive

Peso 1.87 kg
Dimensioni 23.5 × 30.5 × 3.8 cm
Edizione

Luogo di pubblicazione

Vercelli

Anno di pubblicazione

Caratteristiche particolari

Formato

Genere

Soggetto

Illustrazioni

Colore principale

Lingua

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.


Recensisci per primo “Cinzia Piglione e Francesca Tasso (a cura di), Arti minori, Ed. Jaca Book, 2000”