BookStore - Philippe Jullian, D’Annunzio, Ed. Tattilo, 1974

Philippe Jullian, D’Annunzio, Ed. Tattilo, 1974

26,30

Il controverso Jullian delinea la vita di Gabriele D’Annunzio, simbolo del Decadentismo e celebre figura della Prima Guerra Mondiale, “principe di Montenevoso”…

Availability: Solo 1 pezzi disponibili Categorie: ,
  • Descrizione
  • Informazioni aggiuntive
  • Recensioni (0)

Descrizione

Edizione e Anno Tattilo, Roma, 1974
N. Volumi 1 N. Pagine 399
Dimensioni 16 x 21,5 x 3.3 cm. Peso (senza imballo) 0,79 kg.
Descrizione

Gabriele D’Annunzio [Pescara, 1863 – Gardone Riviera, 1938] è stato uno scrittore, poeta, drammaturgo, militare, politico, giornalista e patriota italiano, simbolo del Decadentismo e celebre figura della Prima Guerra Mondiale, dal 1924 insignito del titolo di “principe di Montenevoso”.

Soprannominato “il Vate”, cioè “poeta sacro, profeta”, cantore dell’Italia umbertina, o anche “l’Immaginifico”, occupò una posizione preminente nella letteratura italiana dal 1889 al 1910 circa e nella vita politica dal 1914 al 1924. È stato definito «eccezionale e ultimo interprete della più duratura tradizione poetica italiana» e come politico lasciò un segno nella sua epoca e un’influenza sugli eventi che gli sarebbero succeduti.

L’arte di D’Annunzio fu così determinante per la cultura di massa che influenzò usi e costumi nell’Italia – e non solo – del suo tempo: un periodo che più tardi sarebbe stato definito appunto “dannunzianesimo”.

 

Philippe Jullian, nato con il cognome di Simounet (Bordeaux, 1919 – Parigi, 1977), è stato uno scrittore e illustratore francese. Jullian studiò letteratura all’università; ma non concluse gli studi per dedicarsi al disegno e alla pittura. Negli ultimi anni, visse in Inghilterra ma trascorse i periodi invernali in Africa. Viaggiò molto anche in India e in Egitto.

Collezionista, pubblicò una autobiografia, La Brocante, in cui descrisse “l’amore per i piccoli oggetti”, nel 1975. Le opere di finzione di Jullian furono segnate da motivi decadenti e tendenti al sensuale e al macabro. Esplorò temi quali l’omoerotismo, il sadomasochismo, il travestitismo e la vita estetica.

Negli anni ’70 Jullian sperimentò una serie di tragedie personali: la morte dell’amica Violet Trefusis nel 1972; la distruzione di molti dei suoi beni, comprese le sue immagini, dopo che un incendio scoppiò nel suo appartamento. Nel settembre 1977 il compagno e domestico marocchino Hamoud, dal quale sempre più dipendeva, fu pugnalato a morte da uno sconosciuto. Cinque giorni dopo Jullian si suicidò impiccandosi.

Note bibliografiche

Prima Edizione italiana del 1974, a copertina rigida in tela bianca con titolo in nero al dorso; rilegata a filo; dotata di sovracoperta lucida illustrata a colori; contenente molte fotografie d’epoce in B/N su carta semi-lucida f.t.

Stato di conservazione

Piiù che Ottimo [a livello strutturale non si notano danni, scritte, segni, strappi o usure gravi che vadano evidenziate; legatura morbida e resistente; copertine rigide pressoché intatte; sovracoperta completa e senza rotture, con spigoli netti ma qualche opacità da sfregamento trascurabile ai piatti; ingiallimento delle pagine presente ma tollerabile ed ampiamente entro la norma per l’età e l’edizione; coste un po’ impolverate, con poche e piccole fioriture].

Informazioni aggiuntive

Peso 0.79 kg
Dimensioni 16 × 21.5 × 3.3 cm
Luogo di pubblicazione

Roma

Anno di pubblicazione

Caratteristiche particolari

Illustrazioni

Formato

Genere

Soggetto

Lingua

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.


Recensisci per primo “Philippe Jullian, D’Annunzio, Ed. Tattilo, 1974”

Hai appena aggiunto questo prodotto al carrello: