BookStore - Nello Forti Grazzini, L’arazzo ferrarese, Ed. Electa, 1982

Nello Forti Grazzini, L’arazzo ferrarese, Ed. Electa, 1982

37,50

La fabbricazione, il collezionismo, l’importazione e l’esportazione di arazzi nella Ferrara del XV e XVI secolo: un capitolo importante della storia dell’arte…

Availability: Solo 1 pezzi disponibili Categorie: , ,
  • Descrizione
  • Informazioni aggiuntive
  • Recensioni (0)

Descrizione

Direttore editoriale Carlo Pirovano Redazione Rita D’Alessio Grassi
Edizione e Anno Electa, Milano, 1982 Illustrazioni Fotografie in B/N e a colori
N. Volumi 1 N. Pagine 239
Dimensioni 25,5 x 29 x 3 cm. Peso (senza imballo) 1,83 kg.
Descrizione

La fabbricazione, il collezionismo, l’importazione e l’esportazione di arazzi nella Ferrara del XV e XVI secolo: un capitolo importante della storia dell’arte – non solo ferrarese – che illustra direttamente una specifica pratica artistica, ma che, al tempo stesso, illumina il complesso mondo culturale del Rinascimento a Ferrara: dalla pittura di Giulio Romano e della sua scuola, all’epica dell’Orlando Furioso.

Gli arazzi non erano soltanto sostituti degli affreschi: erano molto più costosi (per il prezzo dei filati, talora anche d’oro e d’argento, e per la laboriosità dell’esecuzione che comprendeva la fattura dei grandi modelli pittorici in scala – i cartoni – e la lenta tessitura da parte degli arazzieri) e pertanto assolvevano più efficacemente a compiti di status symbol; inoltre, essendo paramenti leggeri e mobili, facilmente trasportabili, potevano essere esposti entro sedi diverse, seguire i loro proprietari in viaggio, essere dispiegati all’aperto.

Una serie di arazzi faceva insomma le veci di dieci, di cento cicli pittorici inamovibili e non è perciò strano che tutti i più noti mecenati italiani di epoca tardo-gotica, rinascimentale e barocca ne fossero entusiasti collezionisti. Malgrado la fortuna loro arrisa in passato e a onta della loro innegabile bellezza (quando sono di buona qualità ed in buono stato), gli antichi arazzi non sono oggi apprezzati, in Italia, come dovrebbero. Ammirati come cose singolari o per la stupefacente tecnica tessile, sono però considerati, a torto, un fenomeno marginale della storia dell’arte nella Penisola.

Note bibliografiche

Edizione commerciale di una coeva strenna bancaria realizzata da Electa per Cassa di Risparmio di Ferrara (Ca.Ri.Fe.), pubblicata nel 1982, a copertina rigida in tela bianca, con titoli in nero al dorso; rilegata a filo; stampata su carta patinata di buona qualità, con buone marginature alle pagine; dotata di sovracoperta lucida fotografica a colori e cofanetto rigido editoriale con fiancate illustrate a colori.

Stato di conservazione

Come Nuovo [stante l’età dell’articolo, il tomo è in perfette condizioni, senza nessun tipo di rovinatura esterna o interna; legatura compatta e resistente; ingiallimento delle pagine pressoché assente; minimi e trascurabili segni di vissuto alla sovracoperta ed al cofanetto].

Informazioni aggiuntive

Peso 1.83 kg
Dimensioni 25.5 × 29 × 3 cm
Edizione

Luogo di pubblicazione

Milano

Anno di pubblicazione

Caratteristiche particolari

Illustrazioni

Formato

Genere

Soggetto

Colore principale

Lingua

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.


Recensisci per primo “Nello Forti Grazzini, L’arazzo ferrarese, Ed. Electa, 1982”

Hai appena aggiunto questo prodotto al carrello: