BookStore - Luigi Grassi, Il disegno italiano dal Trecento al Seicento, Ed. dell’Ateneo, 1956

Luigi Grassi, Il disegno italiano dal Trecento al Seicento, Ed. dell’Ateneo, 1956

21,40 i.i.

In questo libro, Luigi Grassi ribadisce la convinzione che si possa scrivere una storia del disegno italiano come una sorta di storia dell’arte.

Availability: Disponibile Categorie: , ,

Descrizione

Edizione e Anno Edizioni dell’Ateneo, Roma, 1956 Illustrazioni Fotografie in B/N
N. Volumi 1 N. Pagine 263
Dimensioni 17,5 x 24 x 1,9 cm. Peso (senza imballo) 0,68 kg.
Descrizione

Manifestazione viva, rivelazione spesso immediata e però intensa della personalità di un artista, i disegni rappresentano – nella diversa tecnica dello schizzo a penna, dell’abbozzo, della sanguigna. ecc. – momenti in sé pienamente realizzati del linguaggio dell’arte.

Ma nel «non-finito», più o meno irriflesso, dell’immagine grafica sono implicite le «possibilità» stesse della costruzione di un’opera d’arte. Lo studio dei disegni resta dunque un capitolo fondamentale, ma tra i più «difficili» e tra quelli meno considerati, della storia dell’arte. La convinzione propria del Rinascimento: del Disegno, cioè, inteso come «fondamento» della pittura, scultura ed architettura, dimostra come l’importanza del linguaggio grafico, e le relative premesse teoretiche, non fossero sfuggite agli stessi artisti che, dal ‘400 in poi, saranno spesso anche trattatisti e scrittori d’arte.

Esiste tutta una letteratura artistica riguardante il concetto di disegno, e la riflessione critica intorno ai problemi del gusto disegnativo. Tale rievocazione è perciò inscindibile – secondo l’Autore – da una diretta indagine attributiva e critica intorno ai disegni in particolare.

Il volume di Luigi Grassi risulta pertanto distinto in due parti intimamente collegate: inizialmente la trattazione teoretica del problema del Disegno nella letteratura artistica; e successivamente la rievocazione storica, attraverso la lettura critica diretta dei testi grafici presi in esame, dei momenti salienti dell’attività disegnativa italiana durante quattro secoli (XIV-XVII incluso).

Tale criterio di sviluppo risponde, del resto, alla ferma convinzione dell’Autore: che sia possibile, cioè, una trattazione storica dell’attività disegnativa, intesa come una storia della pittura o della scultura; e di contro al metodo tradizionale del «catalogo», che è abituale nello studio a nella classificazione dei disegni.

Note bibliografiche

Prima Edizione (appartenente alla Collana “Nuovi Saggi“, #18) a copertina rigida in tela beige, con titoli al dorso e grafica al piatto, rilegata a filo, stampata su carta opaca (testi) e lucida (tavv. f.t.), corredata da 154 disegni e fotografie in B/N f.t., dotata di indici e referenze molto complete a fine volume.

Stato di conservazione

Ottimo [strutturalmente parlando, non si notano danni seri, scritte, segni o strappi che vadano evidenziati; legatura snodata e resistente; ingiallimento delle pagine in linea con la norma per l’età ed il materiale; copertine rigide in buone condizioni ma con macchie sparse ai piatti; sovracoperta in stato decoroso, con piccole abrasioni ai bordi (rinforzate dall’interno con nastro adesivo trasparente), una macchia al piatto anteriore e due mancanze di materiale ai margini; coste poco impolverate].

Informazioni aggiuntive

Peso 0.68 kg
Dimensioni 17.5 × 24 × 1.9 cm
Edizione

Luogo di pubblicazione

Roma

Anno di pubblicazione

Formato

Caratteristiche particolari

Illustrazioni

Genere

Soggetto

Colore principale

Lingua

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.


Recensisci per primo “Luigi Grassi, Il disegno italiano dal Trecento al Seicento, Ed. dell’Ateneo, 1956”

Hai appena aggiunto questo prodotto al carrello: