BookStore - Henri Troyat, La Grande Caterina, Ed. Rusconi, 1981

Henri Troyat, La Grande Caterina, Ed. Rusconi, 1981

19,80 i.i.

Caterina, ci dice Troyat, da viva si è sentita rivolgere le lodi più sperticate, come pure le ingiurie più cocenti: Semiramide e Messalina, l’hanno definita…

Availability: Solo 1 pezzi disponibili Categoria:

Descrizione

Edizione e Anno Rusconi, Milano, 1981 Illustrazioni Fotografie e disegni in B/N e a colori
Traduzione Gabriella Ernesti Carte geografiche Riccardo Orsolano
N. Volumi 1 N. Pagine 581
Dimensioni 15 x 22,3 x 5,2 cm. Peso (senza imballo) 1,13 kg.
Descrizione

Caterina, da viva, si è sentita rivolgere le lodi più sperticate, come pure le ingiurie più cocenti: Semiramide e Messalina, l’hanno definita. Durante tutta la sua esistenza, ha lavorato a propria gloria. Certo, ha sinceramente, appassionatamente amato il popolo russo, ma non ha per caso pensato soprattutto alla sua leggenda personale, ogniqualvolta si è trattato di firmare un’alleanza o di dichiarare una guerra?

Di conquista in conquista, a ingrandirsi è stata Caterina, montagna di volontà dalla struttura assai complessa. I suoi nobili ideali filosofici non le hanno certo impedito di rendere più dura la servitù della gleba, distribuendo terre e contadini ai fedeli del suo trono o del suo letto. Cento volte si è detta liberale, ma si è sempre comportata da autocrate. Ha ostentatamente protetto scrittori e artisti stranieri, ma non tanto per simpatia nei loro confronti, quanto a scopi di propaganda nei confronti dell’’Europa.

Ha letto molto, ma senza discernimento. Si è comportata da capo della Chiesa ortodossa, pur professando un volteriano scetticismo. Ha preteso di governare da sola, costantemente appoggiandosi alla nobiltà, che, grazie a lei, è divenuta una classe dominante. Nei rapporti amorosi, si è mostrata casta a parole e sfrenata negli atti. Di temperamento sanguigno e impetuoso, non ha mai obbedito al vizio, ma sempre e soltanto a un appetito naturale.

La vita, ai suoi occhi, è sempre apparsa quale un rapporto di forza tra gli individui. I deboli sono condannati a soccombere. Tutto ciò che desiderava, lo ha ottenuto con la pazienza, l’intelligenza, la durezza, il coraggio. Ha voluto incarnare la Russia, lei la principessa tedesca nelle cui vene non scorreva neppure una goccia di sangue russo.

Ed è un’impresa che costituisce forse la massima delle sue realizzazioni, quella che neppure i suoi più accaniti detrattori osano mettere in dubbio.

Note bibliografiche

Quarta Edizione del 1981 della celebre Collana La storia, a copertina rigida in tela rossa, con titoli in marrone al dorso; rilegata a filo; stampata su carta opaca di buona grammatura; dotata di sovracoperta fotografica lucida a colori; arricchita da fotografie e disegni in B/N e a colori; fornita di cofanetto protettivo editoriale rigido muto.

Stato di conservazione

Più che Ottimo [a livello strutturale non si notano danni, scritte, segni, strappi o usure gravi che vadano evidenziate; legatura snodata e resistente; copertine rigide pressoché intatte; sovracoperta in ottimo stato, con minimi segni di vissuto ai bordi e leggerissime sgualciture ai piatti; coste abbastanza luminose; ingiallimento delle pagine alquanto ridotto, e nella norma per il materiale e l’età; confanetto in buone condizioni e di bell’aspetto, con pochi segni del tempo seppure un po’ impolverato].

Informazioni aggiuntive

Peso 1.13 kg
Dimensioni 15 × 22.3 × 5.2 cm
Autore/i

Henri Troyat [Lev Aslanovič Tarasov, 1911-2007]

Edizione

Luogo di pubblicazione

Milano

Anno di pubblicazione

Formato

Illustrazioni

Genere

Soggetto

Colore principale

Lingua

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.


Recensisci per primo “Henri Troyat, La Grande Caterina, Ed. Rusconi, 1981”

Hai appena aggiunto questo prodotto al carrello: