BookStore - Giuseppe Ripamonti, La peste di Milano del 1630, Ed. Arnaldo Forni, 1977

Giuseppe Ripamonti, La peste di Milano del 1630, Ed. Arnaldo Forni, 1977

33,50

Ripamonti, presbitero e storico italiano, cronista della peste del 1630 di Milano, ispirò Alessandro Manzoni e fu la fonte storica principale de ‘I promessi sposi‘.

  • Descrizione
  • Informazioni aggiuntive
  • Recensioni (0)

Descrizione

Edizione e Anno Arnaldo Forni, Sala Bolognese, 1977 Volgarizzazione dal latino Francesco Cusani [1802-1879]
N. Volumi 1 N. Pagine 362
Dimensioni 158x 24,5 x 2,8 cm. Peso (senza imballo) 0,85 kg.
Descrizione

Titolo completo: «La peste di Milano del 1630 Libri Cinque, cavati dagli annali della città e scritti per ordine dei LX Decurioni dal Canonico della Scala Giuseppe Ripamonti, istoriografo milanese, volgarizzati per la prima volta dall’originale latino da Francesco Cusani, con introduzione e note. Milano, Tipografia e Libreria Pirotta & C., 1841».

 

Giuseppe Ripamonti, in latino Ioseph Ripamontius (Tegnone, 1573 – La Valletta Brianza, 1643), è stato un presbitero e storico italiano. Fu cronista della peste del 1630 di Milano; scrisse una Storia di Milano e una storia della Chiesa milanese. Fu latinista presso il cardinale Federico Borromeo e Real Historico presso il Governo spagnolo di Milano. Subì un processo da parte del Sant’Uffizio in circostanze ancora non del tutto chiarite. Dimenticato per quasi due secoli, nel XIX secolo ispirò Alessandro Manzoni e fu la fonte storica principale de I promessi sposi. La via più lunga di Milano, nei pressi della quale Alessandro Manzoni stampava le proprie opere, è stata intitolata a Giuseppe Ripamonti.

Note bibliografiche

Ristampa anastatica della Prima Edizione (Milano, 1841), realizzata da Arnaldo Forni nel 1977, a copertina rigida in tela beige chiaro, titolata in nero al piatto e al dorso, stampata su carta di buona qualità, rilegata a filo.

Stato di conservazione

Come Nuovo [considerando che l’opera ha superato i 40 anni di vita, le condizioni sono eccellenti; il volume non mostra danni, scritte, segni, strappi o usure particolari che vadano evidenziate; legatura robusta e consistente; bordi e spigoli netti; tela non usurata e con lievissime impolverature trascurabili; ingiallimento della carta molto contenuto].

Informazioni aggiuntive

Peso 0.85 kg
Dimensioni 18 × 24.5 × 2.8 cm
Edizione

Luogo di pubblicazione

Bologna

Anno di pubblicazione

Caratteristiche particolari

Formato

Genere

Soggetto

Lingua

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.


Recensisci per primo “Giuseppe Ripamonti, La peste di Milano del 1630, Ed. Arnaldo Forni, 1977”

Hai appena aggiunto questo prodotto al carrello: