BookStore - François Rabelais, Gargantua e Pantagruele, Ed. Einaudi, 1953

François Rabelais, Gargantua e Pantagruele, Ed. Einaudi, 1953

64,00 i.i.

Gargantua e Pantagruele” è una serie di cinque romanzi scritti da Rabelais all’inizio del Cinquecento ed è una satira con un linguaggio semplice e vivace, a tratti triviale.

Availability: Disponibile Categorie: ,

Descrizione

Edizione e Anno Einaudi, Torino, 1953 Curatela Mario Bonfantini [1904-1978]
Collana i Millenni, #22 Illustrazioni Tavole fotografiche a colori f.t.
N. Volumi 2 Pagine XXXI + 601 + XIII + 446
Dimensioni 14,8 x 22.5 x 7 cm. Peso (senza imballo) 1,73 kg.
Descrizione

G

argantua e Pantagruele (La vie de Gargantua et de Pantagruel) è una serie di cinque romanzi scritti da François Rabelais nella prima metà del Cinquecento. L’opera è una satira con un linguaggio semplice e vivace, a tratti triviale. Rabelais diede i primi due libri da pubblicare all’editore François Juste di Lione nel 1542, firmandosi con lo pseudonimo e anagramma Alcofribas Nasier.

Pantagruele gode liberamente delle gioie dell’esistenza e manifesta la propria vitalità sfrenata attraverso il riso. Rabelais nel prologo del romanzo, indirizzato ai lettori, scrive: “E, leggendo, non vi scandalizzate: / Qui non si trova male né infezione.[…] Meglio è di risa che di pianti scrivere, / Ché rider soprattutto è cosa umana”. La creatività e l’allegria di Pantagruele e dei suoi compagni di viaggio sono la rappresentazione comica dell’ottimismo umanistico sulla bontà della natura umana rivalutata in tutti i suoi aspetti.

Rabelais si pone contro l’ascetismo e il dogmatismo medievale, contro il tentativo di sopprimere gli istinti da parte delle religioni cattolica e protestante, contro le teorie e i procedimenti speculativi di teologi e filosofi. Lo scrittore esercita il suo pungente sarcasmo anche contro la tradizione culturale e i vizi del suo tempo, in vari àmbiti: politica, educazione, religione, cioè una cultura “universale”, ribelle a schemi ed imposizioni, la cui visione, anche pedagogica, è di matrice umanistica. L’ideale è quello di un uomo tollerante e libero, naturalmente buono, e la regola stabilita nell’Abbazia di Thelème (“Fa’ quello che vuoi”; cap. 52), riassume la fiduciosa e utopistica aspirazione umanistica alla libertà, contrapposta al dogmatismo della cultura ufficiale e alla censura del potere ecclesiastico e politico.

Anche nella lingua viene rovesciato il mito classicista dell’equilibrio e della misura. Vengono mescolate lingua letteraria e linguaggio parlato (anche con l’uso di termini volgari), si fa la parodia dello stile aulico, si utilizzano neologismi, si ricorre all’iperbole e al paradosso.

Note bibliografiche

Prima Edizione del 1953, nella prestigiosa Collana “i Millenni”; a copertina rigida in tela bianca alle fiancate e rossa ai dorsi, con titoli e fregi dorati al piatto e al dorso; dotata di cofanetto protettivo rigido in tela con applicazioni illustrate a colori sulle fiancate; rilegata a filo; stampata su carta opaca di buona qualità e con buone marginature al testo; arricchita da tavole fotografiche a colori f.t.

Stato di conservazione

Più che Ottimo [nonostante l’età dell’articolo, non mostra danni strutturali, strappi, segni, mancanze o usure gravi che vadano evidenziate; legature snodate e resistenti; copertine rigide in ottimo stato, con spigoli netti, minimi segni di vissuto ai bordi e al dorso, e velature di polvere diffuse; coste abbastanza luminose; ingiallimento delle pagine molto ridotto e nella norma per l’età ed il materiale; cofanetto integro e senza cedimenti strutturali, con minimi logorii ai margini e leggere impolverature agli interni e agli esterni di fiancata; mancanza dell’estrattore in seta incorporato nel cofanetto].

Informazioni aggiuntive

Peso 1.73 kg
Dimensioni 14.8 × 22.5 × 7 cm
Autore/i

François Rabelais [1494-1553]

Edizione

Luogo di pubblicazione

Torino

Anno di pubblicazione

Caratteristiche particolari

Illustrazioni

Formato

Genere

Soggetto

Colore principale

Lingua

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.


Recensisci per primo “François Rabelais, Gargantua e Pantagruele, Ed. Einaudi, 1953”

Hai appena aggiunto questo prodotto al carrello: