BookStore - Barbara W. Tuchman, Uno specchio lontano. Un secolo di avventure e di calamità: il Trecento, Ed. Mondadori, 1979

Barbara W. Tuchman, Uno specchio lontano. Un secolo di avventure e di calamità: il Trecento, Ed. Mondadori, 1979

21,00 i.i.

Availability: Solo 1 pezzi disponibili Categoria:

Descrizione

Edizione e Anno Arnoldo Mondadori, Milano, 1979 Illustrazioni
Traduzione
Fotografie e disegni in B/N e a colori
Giovanna Paroni
N. Volumi 1 N. Pagine 769
Dimensioni 16,3 x 24 x 3,7 cm. Peso (senza imballo) 1,10 kg.
Descrizione

Il Trecento ci rimanda due immagini contraddittorie: da un lato un’epoca scintillante di crociate e castelli, cattedrali, cavalleria, Libri d’Ore con miniature squisite; dall’altro un’epoca di ferocia e di agonia spirituale, un mondo sprofondato nel caos. Sono gli anni della Morte Nera, la grande peste del 1348-50 che uccise oltre un terzo della popolazione dall’India all’Irlanda; è l’epoca in cui bande di briganti saccheggiavano impunemente l’Europa, e in cui una «guerra di cent’anni» sembrava non avere né principio né fine.

Un secolo in cui la cavalleria, l’ideale che aveva formato e nutrito la nobiltà, stava crollando per l’impatto con nuove armi, nuove tattiche, nuove idee. Un’ondata di rivolte contadine e proletarie spazzava l’Europa da un capo all’altro e lo scisma d’Occidente lacerava il mondo cristiano, con un papa e un antipapa che scomunicavano a vicenda i rispettivi seguaci. Un’epoca, insomma, in cui nessuno poteva essere certo della salvezza.

Eppure è anche l’epoca di Chaucer e Petrarca, Froissart e Wyclif; dei romanzi cavallereschi, dei racconti osceni, della Sorbona e di Oxford, dei tornei e delle rappresentazioni; una dovizia e una vivacità in contrap-
punto estremo al culto della morte, ai flagellanti, al marciume e alla disperazione…

Barbara Tuchman analizza il secolo al microscopio, ci rivela sia i grandi ritmi della storia che la grana e il tessuto della vita domestica così com’era vissuta: com’era l’infanzia, com’era il matrimonio; come il denaro, le tasse, la guerra, dominassero nella stessa misura la vita del servo, del nobile, del prelato. Passioni colpevoli, lealtà e tradimenti, assassini politici, battaglie navali e assedi, terrore per la fine del mondo, corruzione nelle alte sfere e desiderio ardente di riforma, satira e humour, stregoneria e demonologia, lussuria e sadismo messi sulla scena.

Ecco orgogliosi cardinali, mendicanti, balivi, femministe, ebrei, studiosi e studenti, droghieri, banchieri, impiegati, stregoni, mercenari, santi e mistici, avvocati ed esattori di tasse, e, sopra tutti gli altri, il cavaliere col suo valore e le sue «pazze follie», un «verme terribile nel suo bozzolo di ferro».

Note bibliografiche

Pubblicazione Mondadori del 1979, a copertina rigida telate rossa, con titolazione dorata al dorso; dotata di sovracoperta lucida illustrata a colori; rilegata a filo; stampata su carta fine di buona qualità, con buone marginature al testo, corredata da tavole fotografiche e disegni in B/N e a colori.

Stato di conservazione

Ottimo [volume ben conservato, senza rotture, cedimenti, segni, pieghe o danni in generale di alcun tipo a livello strutturale; copertine rigide pressoché intatte; sovracoperta completa ma con minori segni di vissuto ai bordi – rinforzati con nastro adesivo trasparente ultrasottile – e velature di polvere ai piatti e la dorso; legatura a filo snodata ma molto resistente; ingiallimento della carta presente ma entro la media per il periodo ed il materiale; tagli delle pagine non troppo impolverati].

Informazioni aggiuntive

Peso 1.10 kg
Dimensioni 16.3 × 24 × 3.7 cm
Edizione

Luogo di pubblicazione

Milano

Anno di pubblicazione

Formato

Illustrazioni

Genere

Soggetto

Colore principale

Lingua

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.


Recensisci per primo “Barbara W. Tuchman, Uno specchio lontano. Un secolo di avventure e di calamità: il Trecento, Ed. Mondadori, 1979”

Hai appena aggiunto questo prodotto al carrello: