BookStore - Arrigo Petacco (a cura), Corpi di Elite. Uomini, armi, reparti speciali, Ed. De Agostini, 1986-1988

Descrizione

Edizione e Anno De Agostini, Novara, 1986-1988 Illustrazioni Fotografie e disegni in B/N e a colori
N. Volumi 8 + 1 N. Pagine 2400 + 234
Dimensioni 22,5 x 29 x 21,4 cm. Peso (senza imballo) 12,60 kg.
Descrizione

Nati quasi per germinazione spontane a durante la Seconda Guerra Mondiale, i corpi di élite hanno finito col diventare uno strumento indispensabile per ogni esercito moderno. Oggi non solo non se ne può fare a meno, ma è il caso di sottolineare che gli stati maggiori dedicano più attenzione allo sviluppo di questi minuscoli quanto agguerriti reparti di élite che alla complessa organizzazione delle cosiddette grandi unità dalle dimensioni mastodontiche e facilmente vulnerabili.

Le cause di questa evoluzione del sistema militare difensivo e offensivo non sono tuttavia il frutto di nuove concezioni tattiche o strategiche: sono semplicemente un’esigenza pratica dei tempi in cui viviamo. Tempi in cui le grandi potenze, sempre più timorose di affrontarsi in uno scontro diretto (che non potrebbe non risolversi in uno scontro nucleare), preferiscono combattere per procura intervenendo più o meno indirettamente in quei conflitti locali che accendono di sinistri falò i punti più diversi del nostro pianeta.

Ma anche tempi in cui i sussulti terzomondisti e il terrorismo sempre più incombente e diversificato hanno creato una situazione di guerra senza frontiere che privilegia l’impiego di reparti di élite agguerriti e superaddestrati. Non c’è dubbio infatti – e la storia recente lo insegna – che un corpo speciale capace di calare come un falco sul bersaglio può risolvere con un colpo di mano una crisi locale che, se affrontata secondo i vecchi schemi, richiederebbe operazioni molto più complesse e dall’esito incerto.

L’opera che l’Istituto Geografico De Agostini propone è appunto dedicata a questi corpi di élite e ne illustra la breve quanto eroica storia senza distinzioni di bandiera o di ideologia. Quest’opera, infatti, non dà spazio alle complicate e controverse interpretazioni delle origini di un conflitto, alle sue motivazioni politiche o all’analisi consuntiva degli avvenimenti: registra soltanto fatti. Ossia la cronaca pura e semplice (ma proprio per questo più avvincente e incalzante) dei tanti fatti eroici e disperati che si sono succeduti dagli anni della Seconda Guerra Mondiale ai nostri giorni; fatti che hanno avuto per protagonisti uomini eccezionali che hanno scelto il rischio come mestiere.

Rivivono in quest’opera imprese divenute leggendarie, da Guadalcanal alle Falkland, da Alessandria d’Egitto a Dien Bien Phu, dal ponte di Arnhem al Sinai, da Cassino a Beirut, a Suez; le durezze quotidiane di un addestramento che riesce a trasformare un giovane borghese in una macchina bellica capace di superare i più impensabili test di sopravvivenza in territorio nemico; le sensazioni di chi guida un PzKpfw VI o un Centurion che avanza nel deserto, o di chi colloca la testata esplosiva di un ‘maiale’ sotto la chiglia di una corazzata nemica; i segreti di questi professionisti della guerra e i loro stratagemmi a volte romanzeschi
L’opera inoltre illustra l’uso e le caratteristiche delle loro armi; la differenza che passa fra un fucile d’assalto M16 e un Kalashnikov, come si usa un mortaio da 81 o la pistola mitragliatrice Uzi.

Ed è corredata da cartine e disegni dettagliati a tal punto che al lettore sembra quasi di essere coinvolto nei piani di battaglia. Ma è soprattutto ricca di storie di prima mano che hanno per protagonisti uomini eccezionali (siano essi Parà, NOCS, Teste di cuoio, SAS, Marines, Legionari o Kamikaze, Mercenari o Gurka, Brandeburghesi o Arditi incursori) la cui determinazione e il cui coraggio hanno spesso modificato le sorti di una battaglia, risolto una crisi politica o neutralizzato un ricatto terroristico

 

Direzione di Achille e Adolfo Boroli, direzione editoriale di Mario Nilo; direzione della redazione di Renzo Bosisio; cura dell’Edizione Italiana di Arrigo Petacco; collaborazioni di Ashley Brown, James L. Collins jr., Roberto Costa ed altri; traduzione a cura di Marina Astrologo e Carlo Maggiora; coordinamento grafico di Otello Geddo; realizzazione grafica di Franco Marinelli.

Note bibliografiche

Prima Edizione pubblicata tra il 1986 ed il 1988, in 8 voll. (+ 1 volume rilegato di schede sui soldati di ogni tempo), a copertina rigida verde “mimetico”, con titoli dorati al dorso; rilegata a filo; stampata su carta patinata  in layout a 2 colonne; ricca di centinaia di fotografie, schemi e disegni in B/N e a colori.

Stato di conservazione

Come Nuovo [a livello strutturale non si notano danni, scritte, segni, strappi o usure gravi che vadano evidenziate; legature compatte e resistenti; copertine rigide quasi intatte, con pochi segni del tempo; ingiallimento delle pagine ampiamente contenuto entro la norma per l’età ed il materiale; coste poco impolverate].

Informazioni aggiuntive

Peso 99 kg
Dimensioni 22.5 × 29 × 21.4 cm
Autore/i

Arrigo Petacco

Edizione

Luogo di pubblicazione

Novara

Anno di pubblicazione

Caratteristiche particolari

Illustrazioni

Formato

Genere

Soggetto

,

Colore principale

Lingua

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.


Recensisci per primo “Arrigo Petacco (a cura), Corpi di Elite. Uomini, armi, reparti speciali, Ed. De Agostini, 1986-1988”

Hai appena aggiunto questo prodotto al carrello: