BookStore - Luigi Firpo (a cura di), Giovanni Branca. Le machine (le macchine), Ed. UTET, 1977

Luigi Firpo (a cura di), Giovanni Branca. Le machine (le macchine), Ed. UTET, 1977

19,90

La strenna UTET pubblicata nel 1977 propone, un ricordo della figura di Giovanni Branca è stato un ingegnere e architetto italiano, noto per aver ideato una macchina che precorreva il principio del motore a vapore.

  • Descrizione
  • Informazioni aggiuntive
  • Recensioni (0)

Descrizione

Edizione e AnnoUTET, Torino, 1977IllustrazioniDisegni in B/N
N. Volumi1N. Pagine175
Dimensioni17,5 x 24,4 x 1,8 cm.Peso (senza imballo)0,65 kg.
Descrizione

La strenna UTET pubblicata nel 1977 propone, un ricordo della figura di Giovanni Branca (Sant’Angelo in Lizzola, 22 aprile 1571 – Loreto, 24 gennaio 1645) è stato un ingegnere e architetto italiano, noto per aver ideato una macchina che precorreva il principio del motore a vapore.

Nato a Sant’Angelo in Lizzola, dal 1616 Branca fu impiegato presso la Sacra Casa di Loreto, dove effettuò lavori tipici di un ingegnere rinascimentale: curò le riparazioni alla struttura, progettò monumenti funebri e migliorò le fortificazioni. Assunse inoltre un ruolo nel governo locale e curò gli interessi terrieri della Casa Sacra. Il suo lavoro lo condusse anche frequentemente ad Assisi e Roma. Ottenne la cittadinanza di Roma nel 1622.

Branca progettò molti strumenti meccanici, una collezione dei quali dedicò a Cenci, il governatore di Loreto. Questi furono poi pubblicati a Roma nel 1629 in questo libro, in ottavo, contiene 63 incisioni con le descrizioni in italiano e latino.

A differenza degli autori precedenti, Branca non ha la pretesa di aver realizzato molte delle macchine e in un caso è ancora incerto come la macchina in questione avesse dovuto funzionare. Nelle parole dello storico Alex Keller, le sue macchine “sembrano invenzioni studiate a tavolino che raramente hanno mai avuto alcuna omologa copia tridimensionale funzionante”.

Il cosiddetto motore a vapore di Branca appare nella 25ª tavola fuori testo di questo volume. Si compone di una ruota a pale piatte simile al sistema di propulsione di un battello fluviale, mostrata nell’atto di essere ruotata dal getto di vapore prodotto in un recipiente chiuso e rivolto alle palette attraverso un tubo (e quindi sarebbe più appropriato definirlo una turbina a vapore). Branca suggerisce che l’apparato potrebbe essere utilizzato per l’alimentazione di pestelli e mortai, rettificatrici, per sollevare l’acqua e tagliare il legno. Esso non ha alcuna relazione con ogni successiva applicazione della forza vapore e non è molto più di uno sviluppo della eolipila descritto da Erone di Alessandria nel primo secolo a.C..

Note bibliografiche

Pubblicazione UTET distribuita come Strenna annuale, a copertina rigida in tela grigia titolata al piatto e al dorso, stampata su carta semi-lucida di buona qualità, corredata da numerose foto-riproduzioni in B/N. Manca la sovracoperta figurata, presente nella pubblicazione originale, ma la qualità della tela e le stampigliature di classe conservano l’attrattiva del pezzo.

Stato di conservazione

Più che Ottimo [non si notano danni, scritte, segni, strappi o usure particolari che vadano evidenziate; legatura a filo rodata ma molto robusta]

Informazioni aggiuntive

Peso0.65 kg
Dimensioni17.5 × 24.5 × 1.8 cm
Autore/i

Luigi Firpo (a cura di)

Edizione

Anno di pubblicazione

Caratteristiche particolari

Formato

Illustrazioni

Genere

Soggetto

Lingua

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.


Recensisci per primo “Luigi Firpo (a cura di), Giovanni Branca. Le machine (le macchine), Ed. UTET, 1977”

Questo sito Web utilizza i cookies per migliorare la Vostra esperienza di navigazione. Proseguendo la navigazione, accettate implicitamente queste condizioni tecniche. Info | Chiudi

AVVISO AI CLIENTI
La ns. Sede "fisica" è aperta solo di mattina ed occasionalmente: per visitarci, è gradito un preavviso.
È sempre attivo il servizio di ordini on-line, che verrà regolarmente preso in carico,
ed evaso con frequenza media di 24/48 ore lavorative.
Potete raggiungerci anche tramite eMail
(ordini@antrodiulisse.eu), seguirci su Facebook o cercarci su eBay.

Ignora