BookStore - Giovanni Battista Niccolini, Arnaldo da Brescia, Ed. Le Monnier, 1852

Giovanni Battista Niccolini, Arnaldo da Brescia, Ed. Le Monnier, 1852

30,60 i.i.

La tragedia Arnaldo da Brescia, in cinque canti in endecasillabi sciolti, è considerata il capolavoro di Giovanni Battista Niccolini.

Availability: Solo 1 pezzi disponibili Categorie: ,
  • Descrizione
  • Informazioni aggiuntive
  • Recensioni (0)

Descrizione

Edizione e AnnoF.lli Richiedei e P. Carrara, Milano, 1870IllustrazioniRitratto fotografico dell’Autore in antiporta applicato a colla
N. Volumi1N. Pagine409
Dimensioni12 x 18 x 2,4 cm.Peso (senza imballo)0,36 kg.
Descrizione

La tragedia Arnaldo da Brescia (1843), in cinque canti in endecasillabi sciolti, è considerata il capolavoro di Giovanni Battista Niccolini. La passione neoghibellina dell’autore vi s’identifica con la strenua lotta dell’indomito riformatore religioso (1090-1155), discepolo di Pietro Abelardo, che propugna la rinuncia della Chiesa alla ricchezza, il suo ritorno alla povertà evangelica e l’abbandono del potere temporale.

Qui, nella scena VIII dell’atto II, il frate (che alla fine verrà impiccato e poi arso sul rogo, e le sue ceneri saranno disperse nel Tevere) si rivolge impetuosamente a papa Adriano IV condannando i crimini dell’alto clero.

“Classicista nella forma e romantico nei contenuti”, secondo i critici di un tempo, l’appassionato discorso di Arnaldo, nella sua vibrante eloquenza, è pervaso dagli spiriti di libertà del pensiero risorgimentale.

 

Giovanni Battista Niccolini (San Giuliano Terme, 1782 – Firenze, 1861) è stato un drammaturgo italiano. Visse a Firenze, Lucca e Prato, e fu socio dell’Accademia della Crusca. Compose diverse tragedie di soggetto storico-patriottico, che hanno come tema il riscatto nazionale e la libertà del popolo. In politica fu liberale, repubblicano, anticlericale e contrastò l’ideologia neoguelfa. Fu conosciuto come un propugnatore dell’unità e dell’indipendenza d’Italia ma, data la relativa mitezza del Granducato di Toscana, di cui era suddito, non subì persecuzioni politiche. Amico del Foscolo (che gli dedicò le celebri Poesie del 1803 e la traduzione della Chioma di Berenice, del medesimo anno), nelle sue opere si attenne agli schemi neoclassici, ma con contenuti decisamente romantici.

Note bibliografiche

Terza Edizione del 1852, a copertina rigida in tela e pelle marrone scuro, con titoli e fregi in oro al dorso; rilegata a filo; buone marginature alle pagine.

Stato di conservazione

Buono [volume mediamente ben tenuto, non recante strappi alle pagine o alle copertine, usure pesanti, o logorii critici, con consunzioni ai bordi recuperate esteticamente con pennarello mrrone scuro applicato con precisione; copertine complete e senza eccessivi logorii ai margini; legatura snodata ma resistente; coste imbrunite dalla polvere ma nella norma; ingiallimento della carta delle pagine presente ma non eccessivamente marcato; svariate fioriture sparse alle pagine, palesi ma non inficianti la lettura e non compromettenti la collezionabilità dell’articolo; doratura al dorso ben conservata].

Informazioni aggiuntive

Peso0.36 kg
Dimensioni12 × 18 × 2.4 cm
Autore/i

Giovanni Battista Niccolini [1782-1861]

Edizione

Luogo di pubblicazione

Firenze

Anno di pubblicazione

Caratteristiche particolari

Formato

Genere

Soggetto

Lingua

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.


Recensisci per primo “Giovanni Battista Niccolini, Arnaldo da Brescia, Ed. Le Monnier, 1852”

Questo sito Web utilizza i cookies per migliorare la Vostra esperienza di navigazione. Proseguendo la navigazione, accettate implicitamente queste condizioni tecniche. Info | Chiudi

AVVISO AI CLIENTI
La ns. Sede "fisica" è aperta solo di mattina ed occasionalmente: per visitarci, è gradito un preavviso.
È sempre attivo il servizio di ordini on-line, che verrà regolarmente preso in carico,
ed evaso con frequenza media di 24/48 ore lavorative.
Potete raggiungerci anche tramite eMail
(ordini@antrodiulisse.eu), seguirci su Facebook o cercarci su eBay.

Ignora