BookStore - Amedeo Maiuri, Mestiere d’archeologo (Antologia di scritti), Ed. UTET, 1993

Amedeo Maiuri, Mestiere d’archeologo (Antologia di scritti), Ed. UTET, 1993

0 out of 5

98,00

La raccolta di parte degli scritti del grande archeologo Amedeo Maiuri che si presenta in questo volume è sufficiente a dare un’idea dell’opera da lui compiuta in ambito di scavi in Italia.

Availability: Solo 1 pezzi disponibili Categorie: , ,
  • Descrizione
  • Informazioni aggiuntive

Descrizione

CollanaAntica MadreCuratoriCarlo Belli (per gli scritti) e Pietro Orlandini (per le didascalie)
Edizione e AnnoGarzanti / Scheiwiller, Torino, 1993IllustrazioniFotografie a colori f.t.
N. Volumi1N. Pagine659
Dimensioni22,5 x 28 x 5,9 cm.Peso (senza imballo)2,72 kg.
Descrizione

«La raccolta di parte degli scritti di Amedeo Maiuri che si presenta in questo volume è sufficiente a dare un’idea dell’opera da lui compiuta, ed è soltanto per uno scrupolo di chiarezza che si è provveduto a premettere qualche accenno a ogni gruppo di componimenti affini, collegandoli tra loro con brevi commenti e corredandoli di qualche ulteriore notizia.»

[testo tratto dalla Premessa di Carlo Belli]

Il soggetto

Amedeo Maiuri (Veroli, 1886 – Napoli, 1963) è stato un importante archeologo italiano. Nel periodo tra il 1913 e il 1924 fu incaricato di una missione archeologica nell’Egeo, assumendo la carica di direttore del museo archeologico di Rodi e sovraintendente agli scavi nel Dodecanneso. Scavò in quegli anni, in particolare, a Kalymnos, e anche ad Alicarnasso.

Dopo il decennio greco, i principali centri d’indagine dell’attività di Maiuri furono i Campi Flegrei, Pompei ed Ercolano, e Capri. Per quanto riguarda i Campi Flegrei si ricordano gli scavi di Maiuri a Cuma, dove sotto l’Acropoli si credette di identificare l’antro della Sibilla cumana (1932), l’inizio dello scavo sistematico del vasto comprensorio che è oggi il Parco Archeologico di Baia e sempre a Baia, nel 1959, l’avvio delle esplorazioni subacquee delle costruzioni sommerse dal bradisismo già in epoca antica.

Ad Ercolano Maiuri fece scavare dal 1927, abbandonando, come a Pompei, il metodo settecentesco dei cunicoli: dalle ricerche riemerse l’intera città (per quanto non occupato da costruzioni), e i risultati furono pubblicati nel 1958.

A Pompei fu poi dedicata, negli anni, una fittissima e costante attività, volta ad esplorarne i confini, a connettere gli scavi già effettuati, a sgomberare la terra di riporto che era stata accumulata ai margini ed ostruiva la visione del sito, a restaurare strutture, a creare attrezzature per la fruibilità come l’Antiquarium, le biglietterie, i giardini ripiantumati, l’illuminazione. Alla fine del suo lavoro, solo un terzo della città rimaneva non scavato.

Ulteriori esplorazioni Maiuri le condusse a Capri, luogo al quale era personalmente molto legato, in particolare sulla Villa Jovis e sul Palazzo a Mare.

Indice del volume:

  • Porta dell’archeologia [11-26]
  • Nell’Egeo [27-42]
    • A Camiro e Jaliso con Agapito eversore di necropoli
    • A Lindo: città e acropoli
  • Campania Felix [43-68]
    • Orizzonti storici della Campania antica
    • Tra gli Aurunci Patres
  • Le due Capue [69-90]
    • S.Maria Capua Vetere
    • Capua Nuova – Casilinum
  • Nel cuore del Sannio [91-100]
    • Teatro a mille metri
  • Itinerarium Phlegraeum [101-128]
    • Come ho scoperto l’antro della Sibilla a Cuma
    • Il Dioscuro di Baia
    • Tra il fango e il mortifero fiato della Dea Mefite
  • In Pompei [129-146]
    • Venere pompeiana. Veneris sedes
    • Venus plagiaria
  • Si entra nell’intimità delle case [147-198]
    • Case e sepolcri a Pompei
    • Casa del banchiere Lucio Cecilio Giocondo
    • Nella casa di Quinto Poppeo
    • La villa dei misteri
    • Arria Marcella
  • Due donne celebri [199-216]
    • Giulia Felice, gentildonna pompeiana
    • Il sepolcro di Eumachia
  • La scoperta [217-242]
    • La scoperta dell’Efebo
    • Il busto di Marcello
    • Statuetta eburnea di arte indiana
  • La vita quotidiana [243-282]
    • La città mercantile
    • Sgorbi, figure e caricature
    • L’ultima infornata
  • La catastrofe [283-308]
    • La notte dei lapilli
    • Le vittime di Porta Nocera
    • Gli ultimi fuggiaschi
  • In Ercolano [309-354]
    • La villa dei papiri
    • Si riaprono le prime botteghe nel foro
    • Scavo della terma suburbana
  • Stabiae [355-384]
    • La riscoperta di Stabiae
    • Ville stabiane
  • Tiberio a Capri [385-422]
    • Scavo di Villa Jovis a Capri
    • Damecuta
    • Grotta di Matromania
    • La vera storia della Grotta Azzurra
  • Lettere di Tiberio da Capri [423-430]
    • VIII. Ad Antonia
    • XII. A Curzio Attico
    • XXV. Al Senato
  • Sperlonga [431-444]
    • La Spelunca
  • Paestum [445-490]
    • Poseidonia. Paestum
    • Paestum d’altri tempi
    • L’Heraion di Paestum
    • Tra le metope del santuario di Hera Argiva
  • Nella terra degli Eleati [491-500]
    • Elea. Velia
  • Nella terra di Persegone [501-510]
    • Nell’area sacra degli ulivi
  • Nella Sibaritide [511-524]
    • Mistero di Sibari
  • Metaponto [525-534]
    • La città della spiga d’oro
  • Problemi di archeologia italica [535-544]
  • Addio agli scavi [545-554]
  • Appendice
    • Il Balneum venerium. Commento alla Proscriptio locationis [555-560]
    • Lettere di Plinio [561-570]
    • Epigrafe del 1632 sul ponte della Maddalena a Napoli [571-572]
    • Negotia [573-578]
    • Testimonianze della vita commerciale e finanziaria [579-582]
    • Il processo di Giusta [583-588]
    • L’impresa editoriale del Real Museo Borbonico con tre estratti in fac.simile delle Relazioni di scavo [589-620]
    • Estratti delle relazioni di scavo della Villa dei Pisoni [621-628]
    • I papiri della Villa dei Pisoni [629-632]
  • Note
  • Bibliografia [643-660]
Note bibliografiche

Quarta Edizione pubblicata da Garzanti e ricopertinata da UTET, su concessione del Credito Italiano e di Libri Scheiwiller (che ne curò l’edizione originale), a copertina rigida in tela grigia, titolata al dorso, dotata di sovracoperta fotografica su carta lucida, stampata su carta semi-lucida di qualità, corredata da numerose fotografie a colori f.t.
Nel listino UTET/Garzanti del 2006, l’opera era venduta ad
€257. Da allora, ovviamente, è andata anche in esaurimento scorte.

Stato di conservazione

Come Nuovo [il volume ci è pervenuto da magazzini “editoriali” (non si tratta perciò di prodotti usati); eventuali piccole imperfezioni sull’articolo sono pertanto da attribuirsi esclusivamente all’Editore ed al tempo trascorso dalla pubblicazione]

Informazioni aggiuntive

Peso2.72 kg
Dimensioni22.5 × 28 × 5.9 cm
Edizione

Anno di pubblicazione

Formato

Illustrazioni

Genere

Soggetto

Lingua

Questo sito Web utilizza i cookies per migliorare la Vostra esperienza di navigazione. Proseguendo la navigazione, accettate implicitamente queste condizioni tecniche. Info | Chiudi

AVVISO AI CLIENTI
La ns. Sede "fisica" è aperta solo di mattina ed occasionalmente: per visitarci, è gradito un preavviso.
È sempre attivo il servizio di ordini on-line, che verrà regolarmente preso in carico,
ed evaso con frequenza media di 24/48 ore lavorative.
Potete raggiungerci anche tramite eMail
(ordini@antrodiulisse.eu), seguirci su Facebook o cercarci su eBay.

Ignora