BookStore - Emilio Grosso (presentato da), I bronzetti di Mirko, Ed. Trevi, 1968

Emilio Grosso (presentato da), I bronzetti di Mirko, Ed. Trevi, 1968

44,00

Mirko Basaldella nato nel 1910, secondogenito di tre fratelli, fece parte del gruppo Scuola friulana d’avanguardia ed approdò al linguaggio dell’arte noto come ‘informale’.

Availability: Solo 1 pezzi disponibili Categorie: ,
  • Descrizione
  • Informazioni aggiuntive
  • Recensioni (0)

Descrizione

Edizione e AnnoTrevi, Roma, 1968IllustrazioniFotografie in B/N e a colori
N. Volumi1N. Paginen.n.
Dimensioni24 x 34,5 x 1,7 cm.Peso (senza imballo)1,50 kg.
Descrizione

Mirko Basaldella nasce ad Udine nel 1910, secondogenito di tre fratelli, ognuno dei quali si distinguerà nel mondo dell’arte. Il padre Leo Basaldella è un pittore-decoratore molto apprezzato, morto prematuramente nel 1918. I tre ragazzi, Dino, Mirko e Afro studiano in un collegio protestante a Venezia, esperienza che contribuirà alla loro particolare formazione. Mirko continuerà gli studi artistici dapprima all’Accademia di Belle Arti di Venezia e poi a quella di Firenze.

Nel 1928 espone ad Udine con il gruppo Scuola friulana d’avanguardia e negli anni Trenta avverrà l’incontro decisivo con Arturo Martini, con il quale collabora prima a Monza e poi a Milano. Altro incontro fondamentale sarà quello a Roma nel 1934 con Guido Cagli, artista che introdurrà lui e Afro nell’ambiente della Scuola Romana e di cui sposerà dopo qualche anno la sorella.

Con gli artisti della Scuola Romana anima la Galleria della Cometa a Roma dal 1935 al 1938. In questi anni avvia un’intensa attività espositiva e viaggia assiduamente; assieme al fratello Afro e al Cagli, partecipa alle Biennali di Venezia e alle Quadriennali di Roma, esponendo inoltre alla Cometa Art Gallery di New York.

Evidente nella sua prima produzione di bozzetti e bassorilievi bronzei è l’influenza dell’arte rinascimentale e quattrocentesca toscana, della quale riprende anche particolari tecniche esecutive come quella dello stiacciato. Successivamente nei suoi viaggi viene a contatto con le Avanguardie europee e a partire dagli anni 1946-1947 approda a quel linguaggio dell’arte contemporanea noto come Informale.

Risalgono a questo periodo Cancello delle Fosse Ardeatine a Roma, iniziato nel 1949 e considerato uno dei suoi capolavori, e la decorazione del soffitto del Salone delle Assemblee, nel Palazzo della FAO, sempre a Roma, eseguito l’anno seguente. Nel 1952 con il Monumento al prigioniero Politico Ignoto vince un premio internazionale a Londra, nel 1954 realizza una croce monumentale ai caduti per la libertà a Mathausen, nel 1957 vince il primo premio per la scultura in Brasile e negli anni seguenti altri importanti premi italiani.

Nel 1957 diventa Direttore del Design Workshop Center della Harvard University e pochi anni più tardi membro dell’Academy of Arts and Sciences. Gli ultimi anni vedranno intensificare anche la sua attività di pittore. Diviso tra Italia e Stati uniti morirà nel 1969 a Cambridge (USA) poco dopo un ultimo viaggio ad Udine.

Il volume fa parte della Collana “I Simboli“, diretta da Nino Massari; l’impaginazione e la cura della stampa sono di Toni Bonavita e Grazia Mannoni, mentre le fotografie sono di Oscar Savio.

Note bibliografiche

Prima Edizione di grande formato, a copertina rigida in simil-pelle rossa, con titoli al dorso e fregio al piatto, stampata su carta lucida; corredata da tavole fotografiche in B/N e a colori, anche a tutta pagina; riproduzione editoriale della firma alla copertina anteriore.

Stato di conservazione

Ottimo [a livello di struttura, non si notano danni, scritte, segni, strappi o usure particolari che vadano evidenziate; copertine rigide più che buone, senza abrasioni, e con spigoli e bordi netti; legatura ben tenuta ma delicata in quanto non a filo (possibilità di alcune pagine leggermente scollate, inevitabile date le dimensioni del volume); ingiallimento della carta molto ridotto e limitato alle zone di bordo; un po’ di inscurimento alle coste; probabile sovracoperta originale mancante in questo esemplare].

Informazioni aggiuntive

Peso1.5 kg
Dimensioni24 × 34.5 × 1.7 cm
Autore/i

Emilio Grosso (presentato da)

Edizione

Luogo di pubblicazione

Roma

Anno di pubblicazione

Formato

Caratteristiche particolari

Illustrazioni

Genere

Soggetto

Lingua

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.


Recensisci per primo “Emilio Grosso (presentato da), I bronzetti di Mirko, Ed. Trevi, 1968”

Questo sito Web utilizza i cookies per migliorare la Vostra esperienza di navigazione. Proseguendo la navigazione, accettate implicitamente queste condizioni tecniche. Info | Chiudi

AVVISO AI CLIENTI
La ns. Sede "fisica" è aperta solo di mattina ed occasionalmente: per visitarci, è gradito un preavviso.
È sempre attivo il servizio di ordini on-line, che verrà regolarmente preso in carico,
ed evaso con frequenza media di 24/48 ore lavorative.
Potete raggiungerci anche tramite eMail
(ordini@antrodiulisse.eu), seguirci su Facebook o cercarci su eBay.

Ignora