BookStore - Jules Michelet, Storia della Rivoluzione Francese, Ed. De Agostini, 1969

Jules Michelet, Storia della Rivoluzione Francese, Ed. De Agostini, 1969

93,00 i.i.

La ‘Storia della Rivoluzione Francese‘ di Jules Michelet può essere considerata il capolavoro della storiografia liberale sulla grande Rivoluzione.

Availability: Solo 1 pezzi disponibili Categoria:
  • Descrizione
  • Informazioni aggiuntive
  • Recensioni (0)

Descrizione

Curatore e traduttore Vincenzo Dominici (sull’edizione del 1869) Introduzione e note Alberto Aquarone
Edizione e Anno De Agostini, Novara, 1969 Illustrazioni Fotografie in B/N f.t.
N. Volumi 5 N. Pagine 502 + 570 + 535 + 507 + 219
Dimensioni 14,9 x 23 x 20 cm. Peso (senza imballo) 5,06 kg.
Descrizione

La Storia della Rivoluzione Francese di Jules Michelet, il cui primo volume apparve nel 1847, può essere considerata il capolavoro della storiografia liberale sulla grande Rivoluzione. «Fino a quel momento» avrebbe poi scritto l’Autore, «tutte le storie della Rivoluzione erano state essenzialmente monarchiche: quale per Luigi XVI, quale per Robespierre». Questa sarebbe stata la prima storia repubblicana della Rivoluzione, una narrazione nuova e diversa, più aderente alla realtà del fatti che vanno dal 5 maggio 1789 al 27 luglio 1794.

Il grande tema dell’Histoire de la Révolution Française è la storia senza eroe, o meglio con un solo gigantesco protagonista: il popolo. Soprattutto è la prima vera storia di quegli eventi eccezionali che hanno mutato il mondo, ed è al tempo stesso analisi dei sentimenti collettivi e delle loro implicazioni. Esplorazione profonda, mai prima tentata, della realtà sociale, dello scontro delle classi, dei diversi aspetti della realtà rivoluzionaria: il politico, l’economico, il culturale, lo scientifico.

Iniziata dai “patrizi”, come osservava Chateaubriand, fu l’ultimo episodio della lotta contro la monarchia e fu condotta a compimento dai “plebei”, assicurando l’avvento al potere della borghesia nata all’interno di un mondo feudale che essa sgretolò inaugurando cosi la storia moderna. A distanza di tanti anni molti agguerritissimi storici devono ancor oggi ammettere che Michelet, con le sue balenanti intuizioni, è riuscito ad anticipare i risultati delle più moderne e sofisticate ricerche storiche.

A questo traguardo è potuto giungere perché, avendo suo padre vissuto come operaio la vita delle sezioni rivoluzionarie, egli si sentiva direttamente coinvolto nell’immenso affresco che andava tracciando. In certi momenti sembra infatti che scriva come se non sappia ciò che gli avenimenti preparano, come se invece che uno storico fosse un cronista, vivendo letteralmente nei momenti che sta descrivendo. Gli stessi ritratti dei protagonisti non sono statici, ma mutano col procedere degli eventi: Robespierre è dapprima il goffo deputato della Costituente, per diventare poi lo strenuo combattente della Convenzione ed infine il gelido dittatore del Comitato di salute pubblica.

Ma soprattutto si può dire che in nessuna opera come questa il lettore viene trascinato nel magma della Rivoluzione: marcia con le donne su Versailles, va all’assalto delle Tuileries, assiste alle stragi di settembre. Come scrivera Proudhon, «grazie a questo libro straordinario la Rivoluzione Francese esce dalla leggenda per entrare nella storia». Molti hanno scritto sulla Rivoluzione: Tocqueville, Quinet, Carlyle, Taine, Aulard, Mathiez, la scuola scientifica e quella marxista, e certamente ai giorni nostri ne sappiamo di più di quanto ne sapesse Michelet. Ciononostante è sbalorditivo constatare ancor oggi, come dice Gerald Walter, quanto in lui si rifletta l’anima stessa della Rivoluzione.

L’opera si articola in 5 volumi così strutturati:

  1. Introduzione; Libri I-II-III
  2. Libri IV-V-VI
  3. Libri VII-VIII-IX
  4. Libri X-XI-XII-XIII
  5. Libri dal XIV al XXI; Conclusione
Note bibliografiche

Edizione di pregio del 1969, ristampata da De Agostini sulla precedente edizione di Club del Libro (1959), a copertina rigida in simil-pelle verde scuro, con titoli dorati al piatto e al dorso; dotata di sovracoperte trasparenti protettive in acetato; stampata su carta di buona grammatura; rilegata a filo; corredata da svariate fotografie in B/N f.t. a tutta pagina; tomi contenuti in 2 cofanetti grigi rigidi editoriali.

Stato di conservazione

Più che Ottimo [nonostante l’età dell’articolo non si notano danni, scritte, segni, strappi o usure particolari che vadano evidenziate; ingiallimento delle pagine quasi assente; copertine rigide integre e senza rotture e con spigoli netti; sovracoperte in acetato con piccole mancanze ai bordi ma funzionali allo scopo e senza sgualciture; lievissimo velo di polvere alle coste superiori; cofanetti intatti e robusti, seppur con inscurimenti e macchie velate superficiali dovute probabilmente alla polvere; estrattori in seta accorciati precedentemente, ormai solo estetici].

Informazioni aggiuntive

Peso 5.06 kg
Dimensioni 14.9 x 23 x 20 cm
Autore/i

Jules Michelet [1798-1864]

Edizione

Luogo di pubblicazione

Novara

Anno di pubblicazione

Illustrazioni

Formato

Genere

Soggetto

Lingua

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.


Recensisci per primo “Jules Michelet, Storia della Rivoluzione Francese, Ed. De Agostini, 1969”

Questo sito Web utilizza i cookies per migliorare la Vostra esperienza di navigazione. Proseguendo la navigazione, accettate implicitamente queste condizioni tecniche. Info | Chiudi

AVVISO AI CLIENTI
La Sede "fisica" del negozio sarà chiusa per motivi familiari di salute fino al 31/8/2018.
Resterà invece attivo il servizio di ordini on-line, che verrà regolarmente preso in carico,
ed evaso con frequenza media di 48 ore lavorative.
Potete raggiungerci anche tramite eMail
(ordini@antrodiulisse.eu), seguirci su Facebook o cercarci su eBay.

Ignora