Mattei. Quell’idea di Libertà, Ed. ENI, 1982

  • Descrizione
  • Informazioni aggiuntive
  • Recensioni (0)

Descrizione

A cura di Direzione per lo Sviluppo dell’Immagine Istituzionale e Imprenditoriale Progettazione grafica Bob Noorda
Luogo e Anno Roma, 1982 Illustrazioni Fotografie in B/N
N. Volumi 1 N. Pagine 227
Dimensioni 24,5 x 31 x 2,5 cm. Peso (senza imballo) 1,50 kg.
Descrizione

La straordinaria vicenda umana di Enrico Mattei dal giorno della scomparsa, avvenuta il 27 ottobre 1962, è stata materia di studio per storici, biografi, economisti, giornalisti e persino fonte d’ispirazione per registi cinematografici e televisivi.

«Nei giorni successivi alla tormentata fine della guerra civile in Italia, Enrico Mattei venne incaricato di liquidare le attività dell’Agip. Invece scelse di disattendere questa indicazione, per conseguire un obiettivo che riteneva fondamentale: garantire al Paese un’impresa energetica nazionale, che dal 1953 si chiamerà Eni, in grado di assicurare quanto serviva ai bisogni delle famiglie e allo sviluppo della piccola e media impresa, a prezzi più bassi rispetto a quelli degli oligopoli internazionali.

Mattei riuscì a costruire intorno alla sua figura un’aura mitica. Fu abile nel costituire una rete di collaboratori capaci di muoversi sullaEnrico Mattei scena internazionale e questo divenne uno dei punti di forza che la società, oltre gli interessi specifici, seppe offrire all’azione diplomatica dell’Italia. Fu tra i primi a coltivare lo spirito di frontiera e il rispetto delle culture diverse. Mattei aveva chiaro che non era possibile fare strategia internazionale senza conoscere bene i singoli territori su cui si andava ad esplorare. La diversità Eni fu per anni una sorta di eccezione, un’impresa che compiva scelte diverse da quelle della maggioranza dei suoi concorrenti, tanto da sfidare il buon senso comune. Mattei è stato il simbolo di un modo di pensare l’Italia, abbastanza visionario da riuscire a trasformare una nazione sconfitta e contadina in un Paese avanzato con una forte industria energetica.

Saper immaginare il futuro. Questa è l’eredità più preziosa che Mattei ci ha lasciato. Con questa capacità dobbiamo guardare alle sfide di oggi e di domani, per riaffermare ogni giorno il valore dell’energia come motore di crescita per tutti.» [Fonte ENI].

Note editoriali Edizione fuori commercio, di grande formato, del 1982, con copertina rigida in tela e sovracoperta fotografica. Stato di conservazione: Come Nuovo [nonostante l’età, l’articolo è giunto fino a noi praticamente intatto. Non si rilevano mancanze, segni, abrasioni, scritte né logorii].

Informazioni aggiuntive

Peso 1.5 kg
Dimensioni 24.5 x 31 x 2.5 cm
Formato

Anno di pubblicazione

Edizione

Caratteristiche particolari

Illustrazioni

Soggetto

Genere

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.


Recensisci per primo “Mattei. Quell’idea di Libertà, Ed. ENI, 1982”