-38%

La città del però. Vizi e virtù di Ferrara e dei ferraresi

16,00 10,00 i.i.

Disponibile

  • Descrizione
  • Informazioni aggiuntive
  • Recensioni (0)

Descrizione

Autore Luca Ghetti, Andrea Pizzirani,
Andrea Poli

Traduttore
Luogo e Anno Ferrara, 2012
Illustrazioni e Foto

N. Volumi 1 N. Pagine 158
Formato (cm.) 14 x 20,5 Peso (kg.) 0,4 kg.
Descrizione

A dispetto dei ferraresi, Ferrara è Patrimonio dell’Umanità per l’Unesco.

Stretti fra un passato (anche calcistico) glorioso e un presente (anche calcistico) un po’ così, i discendenti degli Estensi si crogiolano nella astrusa convinzione di vivere nell’ombelico del mondo, condizione che peraltro il suddetto mondo ignora allegramente: e il primo piano urbanistico d’Europa, e il primo Palio del mondo, e il primo pane ‘cum li orletti’, cioè a dire la coppia ferrarese, e la città col maggior numero pro capite di biciclette, e la città col maggior numero pro capite di ladri di biciclette, e via magnificando.

Così, nelle pagine del libro passa sotto le forche caudine della satira affettuosamente complice degli scritti di Andrea Poli e degli acuminati disegni di Andrea Pizzirani e Luca Ghetti la composita fauna della città e dintorni annessi e connessi: ciclisti bricconi, agricoltori esigenti, gelosi cultori delle eccellenze gastronomiche della tradizione, automobilisti prevaricatori. Il tutto condito dagli eventi che scandiscono il lento scorrere della vita in città: il Palio, il Festival delle mongolfiere, la saga dei musicisti di strada meglio nota come Busker’s Festival, le partite della Spal.

Un’umanità varia che rappresenta in fondo uno spettacolo nello spettacolo della piccola superba pretenziosa meravigliosa fantastica unica città di cotto rosso.

 

Gli autori

Luca Ghetti, classe 1966, è stato dotato dal Fato di uno straordinario talento nel campo delle arti figurative. Diplomato all’Accademia di Belle Arti di Bologna, si dedica con pari successo alla pittura -su tela e su intonaco – alla ceramica, al disegno umoristico, alle illustrazioni, alla rinfrescatura delle pareti della camera da letto. Sarà per legge di compensazione che il suddetto Fato non è stato con lui altrettanto prodigo in materia grigia: nei fine settimana, infatti, abbigliato da primitivo Gallo Lingone col nome di battaglia di Tarvos, va in giro per lo Stivale a prendere legnate vere da antichi Romani finti.

 

Andrea Pizzirani, classe 1960, ha fatto molte cose nella sua vita, se si eccettua il lavorare: il geologo, l’editore, il fumettista, impaginatore, esperto di computer, viaggiatore all’estero, collaboratore di prestigiose case editoriali. Unico docente universitario italiano a perdere la cattedra prima ancora di averla vinta, è fervente ammiratore, non ricambiato, del disegnatore Quino.

 

Andrea Poli, classe da vendere, spazia con la sua multiforme attività in tutti i campi della letteratura scritta: giornalista, scrittore, poeta, zzirudellaro, è la conferma vivente del vecchio detto: chi fa troppe cose è perché non ne sa fare bene neanche una. Nei ritagli di tempo tiene in caldo una sedia in un ente pubblico. Affetto da manie di grandezza, sogna che alla sua morte gli venga intitolata un’arteria della sua amatissima città; la commissione toponomastica del Comune, in considerazione del suo giro vita, ha già deciso di intestargli Largo Andrea Poli.

Note
Prima Edizione del 2013, con copertina morbida, ISBN 978-88-97589-04-4. Stato di conservazione: Nuovo.

Informazioni aggiuntive

Anno di pubblicazione

2012

Genere

Narrativa/letteratura

Formato

Copertina Morbida

Soggetto

Umorismo

Edizione

Festina Lente Edizioni

Lingua

Italiano

Caratteristiche particolari

Prima Edizione

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.


Recensisci per primo “La città del però. Vizi e virtù di Ferrara e dei ferraresi”