BookStore - Ferruccio Busoni, Lo sguardo lieto. Tutti gli scritti sulla musica e le arti, Ed. il Saggiatore

Ferruccio Busoni, Lo sguardo lieto. Tutti gli scritti sulla musica e le arti, Ed. il Saggiatore

L’edizione presente accoglie tutti gli scritti di Busoni che è stato possibile ritrovare, ad eccezione della corrispondenza privata, dei libretti e, naturalmente, dei commenti a pie’ di pagina…

30,00 i.i.

Esaurito

Categorie: , Tag:
  • Descrizione
  • Informazioni aggiuntive
  • Recensioni (0)

Descrizione

Edizione e Anno il Saggiatore, Milano, 1977 Curatore e Traduttori Fedele D’Amico
Laura e Luigi Dallapiccola
N. Volumi 1 N. Pagine 550
Dimensioni 15,8 x 21 x 3,5 cm. Peso (senza imballo) 0,78 kg.
Descrizione

La gloria del pianista, fra i sommi della storia, offuscò in vita la fama di Ferruccio Busoni compositore, né il divario sembra oggi colmato. Un terzo Busoni esiste tuttavia, il cui peso apparve già ai suoi tempi, almeno in terra germanica, imprescindibile, ed è quello del pensatore.

La poetica di Busoni, affidata assai più esplicitamente e compiutamente ai suoi scritti che alle sue partiture, è un crocevia inevitabile per chi voglia guardar bene addentro la nascita della musica del Novecento e questo, grazie appunto alla sua febbre utopistica, che nell’auspicato affrancamento dai limiti linguistici tradizionali non scorge l’espressione d’una crisi, non che d’un’eversione, bensì l’adempimento d’una vocazione eterna della musica, e l’avvento d’una libertà radiosa, d’una serenità olimpica; donde quello «sguardo lieto» che sarebbe privilegio di chi «guarda innanzi».

L’edizione presente accoglie, in traduzione italiana, tutti gli scritti di Busoni che è stato possibile ritrovare, ad eccezione della corrispondenza privata, dei libretti e, naturalmente, dei commenti a pie’ di pagina alle musiche di Bach o di Liszt da lui rivedute.

Inoltre accoglie, in appendice, tutte le giovanili corrispondenze scritte in italiano per il quotidiano di Trieste L’lndipendente negli anni 1884-85, e non più ripubblicate se non in minima parte (su periodici, e in traduzione tedesca). E dunque, questo volume, il primo corpus effettivo del pensiero di Busoni che appaia nell’editoria internazionale: pensiero ardente e lucidissimo da cui nessuno può prescindere, che voglia rendersi conto della svolta che la musica occidentale imboccò fra i due ultimi secoli.

Note bibliografiche

Prima Edizione, a copertina morbida titolata al piatto e al dorso, dotata di sovracoperta semi-lucida fotografica, rilegata a filo.

Solitamente, e quando se ne trovano esemplari disponibili sul mercato, il testo viene quotato intorno agli €50.

Stato di conservazione

Più che Buono [l’opera, seppur strutturalmente ancora robusta, risente un po’ dei segni del tempo: non si notano scritte, segni o strappi alle pagine, ma sono presenti piccole abrasioni lungo i bordi della sovracoperta e le parti marginali delle pagine sono un po’ ingialliti (cose peraltro nella norma se si considera l’età del libro, l’edizione a copertina morbida e la carta abbastanza economica in cui è realizzato); legature a filo rodate ma molto robuste; in sintesi, opera utilizzabile ed in buona parte collezionabile (vista anche la sua rarità), ma di certo non perfetta].

Informazioni aggiuntive

Peso 0.78 kg
Dimensioni 15.8 x 21 x 3.5 cm
Edizione

Anno di pubblicazione

Caratteristiche particolari

Formato

Genere

Soggetto

Lingua

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Ferruccio Busoni, Lo sguardo lieto. Tutti gli scritti sulla musica e le arti, Ed. il Saggiatore”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito Web utilizza i cookies per migliorare la Vostra esperienza di navigazione. Proseguendo la navigazione, accettate implicitamente queste condizioni tecniche. Info | Chiudi